World Pasta Day - Giornata Mondiale della Pasta 2019

Best Western Hotel Residence Italia

prenota ora
Miglior tariffa internet garantita
Prenota subito al miglior prezzo.

World Pasta Day 
Giornata Mondiale della Pasta 2019

25102019

Tutti pazzi per la pasta!

Oggi è la Giornata Mondiale della Pasta e della Dieta Mediterranea.

La pasta è considerata il piatto italiano per eccellenza, conosciuta e proposta in tutto il mondo, con diverse varianti e ricette personalizzate. L'Italia è il Paese che non solo ne consuma di più, ma ne produce e ne esporta maggiormente. 

In questa Giornata mondiale della pasta e della dieta mediterranea si vuole sensibilizzare l’opinione pubblica verso una cambiamento di stile di vita e attenzione verso l’ambiente, seguendo una sana alimentazione.

 

“Pasta2050” e #WorldPastaDay sono gli hashtag ufficiali che chef e food blogger di tutto il mondo potrannno utilizzare per promuovere ricette sfiziose e raccontare in un piatto la passione tutta italiana per la pasta. 

L'dea di istituire la Giornata mondiale della pasta e della dieta mediterranea è una proposta che parte, ovviamente, dall’Italia.  Inoltre la dieta mediterranea è la dieta più seguita al mondo.
L’Unesco nel 2010 ha riconosciuto la Dieta mediterranea come Patrimonio dell’Umanità perché non è semplicemente una dieta, ma cambiamento di uno stile di vita, un modo di vivere, un momento di condivisione sociale.

Quindi, la dieta mediterranea, non è semplicemente un elenco di alimenti, espressi attraverso la famosa piramide alimentare, ma è un insieme di tradizioni agricole, di momenti di condivisione di prodotti e conoscenza del territorio.

Ormai è dimostrato che la Dieta mediterranea è una dieta sana, equilibrata che aiuta a prevenire molte malattie croniche.

Infine, è una dieta sostenibile perché rispetta la stagionalità dei prodotti e il rispetto del territorio, creando un’alimentazione bilanciata e aiutando la nostra salute e il nostro ambiente. 

 

In Sardegna, secondo la tradizione, il piatto tipico per eccellenza che rappresenta la pasta sono i malloreddus alla campidanese, che prendono il nome dalla più vasta pianura della Sardegna. Con il classico sugo a base di pomodoro e salsiccia, arricchito da un tocco di zafferano da aggiungere all’impasto o direttamente nel sugo, o anche in tutti e due, i malloreddus sono un piatto semplice e genuino a cui non si può resistere.

Per celebrare questa giornata vi proponiamo la ricetta, semplice e gustosa, per 4 persone.

 

Ingredienti per i malloreddus fatti a mano (ma vanno benissimo anche quelli comprati già pronti!):

  • 400 gr. di semola fine
  • 200 ml. di acqua tiepida (potrebbe essere necessario aumentare o diminuire la quantità)
  • una bustina di zafferano in polvere
  • 2 gr. di sale fino

 Preparazione:

  • Scaldare l’acqua con la bustina di zafferano all'interno, facendola sciogliere per bene e farla poi intiepidire
  • Versare in una ciotola la semola e il sale, fare un buco e inserire metà dell’acqua tiepida
  • Impastare e aggiungere piano piano l’acqua
  • Lavorare sino ad ottenere un impasto liscio, formando una palla che coprirete poi con un canovaccio inumidito affinché non si secchi mentre preparate i malloreddus.
  • Ora preparate il piano dove riporrete i malloreddus una volta pronti. Va bene anche un vassoio coperto con un canovaccio e spolverato con abbondante semola fine e poca farina
  • Iniziate prendendo un pezzo di impasto e formando un salsicciotto non troppo spesso. Con un coltellino tagliare dei pezzetti lunghi al massimo un centimetro.
  • Passare ogni pezzetto sull’attrezzo apposito o sui rebbi di una forchetta esercitando una leggera pressione e disporre uno ad uno i malloreddus sul vassoio, sino a che non avrete terminato l’impasto
  • Spolverate i malloreddus con altra semola e farina e lasciateli asciugare all’aria per almeno 24 ore.

 Ora è il momento di preparare il sugo. Ecco gli ingredienti:

  • misto per soffritto (sedano,carota e cipolla)
  • 250 gr. salsiccia fresca con semi di anice (tipica sarda)
  • 500 gr. passata di pomodoro
  • zafferano
  • olio q.b.
  • sale

Preparazione:

  • Soffriggere il trito misto in una pentola dai bordi alti
  • Tagliare la salsiccia a pezzi e unire al soffritto
  • Rosolare tutto per 10 minuti
  • Aggiungere passata di pomodoro, prezzemolo, sale e zafferano.
  • Cuocere i malloreddus in abbondante acqua salata
  • Scolare la pasta e condire con il sugo alla campidanese, servendolo con scaglie di pecorino sardo e una foglia di basilico

E buon appettito!

 

p.c. Ricette di Sardegna

Iscriviti alla nostra newsletter!